domenica 4 dicembre 2011

A Torino la mostra dedicata a Steve Jobs


Al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, “Steve Jobs 1955-2011”, la prima mostra italiana dedicata all’imprenditore californiano, inventore e co-fondatore di Apple Inc., scomparso il 5 ottobre scorso. A organizzarla, l’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e il gruppo torinese BasicNet, che possiede una delle più complete collezioni al mondo di personal computer e storia dell’informatica.

La mostra ripercorre la storia umana e imprenditoriale di Steve Jobs attraverso 10 aree tematiche: dalla fondazione della Apple nel 1976 nel garage di casa (fedelmente riprodotto in scala 1:1) al licenziamento di Jobs dalla sua stessa azienda (dove tornerà trionfalmente nel 1997), dalla creazione della Pixar, vera e propria rivoluzione nell’industria del cartone animato, al testamento tecnologico dell’imprenditore americano, passando dalla creazione di “macchine” ormai entrate nella storia della tecnologia come il Lisa, il Macintosh e l’iMac fino ai più recenti iPod, iPhone, iPad.


Pezzo forte della mostra, l’ormai rarissimo l’Apple-1 (primo computer creato da Steve Jobs e dal socio Steve Wozniak nel 1976), che il presidente di BasicNet Marco Boglione si è aggiudicato da Christie’s per 157 mila euro nel novembre 2010.
Nella riproduzione del celebre garage di Palo Alto, California, trova spazio tutto il mondo di Steve Jobs: dai dischi in vinile che ascoltava quand’era adolescente (Bob Dylan, The Beatles, Janis Joplin, Bach) ai libri di cultura hippy, zen e buddista fino ai primi progetti d’elettronica.

“Steve Jobs 1955-2011”, però, non è soltanto un viaggio tra ricordi e memorabilia ma un vero e proprio percorso interattivo ad alto contenuto tecnologico, con touch screen, archivi elettronici e documenti multimediali sfogliabili virtualmente.

La mostra è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 19, chiusa il martedì. Visite guidate per gruppi e scolaresche e laboratori didattici su prenotazione (011.4326307/6334/6337 –  idattica.mrsn@regione.piemonte.it). Sono previsti incontri serali a tema.