domenica 22 gennaio 2012

Donne del sud del Mondo - Mostra al Museo delle Culture del Mondo a Genova

Da Asia, Africa e America latina storie di donne che hanno rovesciato le regole del mercato. In parallelo, in Italia, donne emigrate che hanno superato la diffidenza e sono esempio di integrazione. Tante esperienze di commercio equo solidale e imprenditorialità raccontate attraverso i volti e le storie delle loro protagoniste.
Nella prima sezione, dedicata all’ITALIA, 6 video interviste, 6 esperienze personali in cui il lavoro in proprio ha rappresentato un percorso efficace di integrazione sociale ed economica. Marocco, Eritrea, Senegal, Ghana, Egitto, i paesi di provenienza di queste donne che hanno rovesciato le regole di una società che vorrebbe confinarle spesso ai margini.

Nella seconda sezione, dedicata all’AFRICA, 2 i focus, 2 le esperienze di agricoltura equo solidale portate avanti dalle donne di Taliouine (Marocco) e di Meru Herbs (Kenya).
Taliouine è una piccola cooperativa situata in un’area povera e isolata ma, grazie al sostegno di alcune ONG, è riuscita a implementare la produzione dello zafferano – l’oro rosso del Marocco – e a superare i confini e le logiche del souk – mercato locale, raggiungendo anche il mercato nazionale ed estero.
Camomilla, carcadè e confetture di frutta esotica sono invece alcuni dei prodotti alimentari confezionati dalle donne di Meru Herbs, un’organizzazione nata attorno ad un progetto idrico che ha portato acqua e lavoro a oltre 4.000 persone del Kenya centrale e che ha permesso alla comunità di superare l’agricoltura di sussistenza.

Sete, sari, ricami, saponi con i loro colori e profumi nella terza sezione dedicata all’ASIA, protagoniste le donne del Progetto Sasha (India) e di AOWA - Association of Women’s Action for Training and Rehabilitation (Palestina).
SASHA è un organizzazione che coinvolge 5.000 artigiane nella regione del West Bengala in India. Fondata nel 1978, produce ed esporta, attraverso il commercio equo, prodotti tessili e spezie.
AOWA nasce nel 1994 da un gruppo di attiviste palestinesi. Oggi le socie sono 1.400 e dal 2000 realizzano e commercializzano una serie di prodotti tra cui il timo, il miele, i tessuti ricamati a mano e il sapone a base di olio di oliva. Quest’ultimo viene prodotto sia per uso e consumo della comunità sia per l’export nazionale ed internazionale.

Ceramiche e filati nella produzione delle artigiane di ALLPA (Perù) e di AJ Quen (Guatemala) nella quarta sezione dedicata all’AMERICA LATINA.
Entrambi i progetti sono nati per contrastare il lavoro minorile, la discriminazione di genere e garantire condizioni di lavoro dignitose.
Innovazione e tradizione si fondono nella loro produzione di oggetti in ceramica chulucana del progetto Allpa che oggi coinvolge più di 500 donne, oltre 1.000 famiglie e si sviluppa in 100 laboratori artigianali dislocati su tutto il paese.
AJ Quen riunisce invece gruppi di artigiane Maya, soprattutto vedove e ragazze madri, vittime delle violenze perpetrate in 35 anni di guerra civile. I prodotti sono realizzati a mano sui telai a cintura in uso fin dall’epoca precolombiana e riprendono i motivi dei capi indossati dalle donne dei villaggi guatemaltechi.

TRE i documentari a conclusione di questo “viaggio” dedicato a tutte quelle donne capaci di creare delle filiere produttive più eque e, al tempo stesso, di tutelare il proprio patrimonio culturale.
Bolivia, una rete tessuta dalle donne del fotogiornalista Aldo Pavan, un breve ed intenso documentario sulle donne boliviane che si sono affrancate dall’isolamento, dal machismo e dalla miseria.
Yo Puedo, Yo Valgo, Yo Voy A Perder El Miedo realizzato da Syusy Blady, dedicato alle tessitrici di Aj Quen e Fair Tales di Nicola Moruzzi e Giovanni Pompili, prodotto da Altromercato, il viaggio di Kalhua, cantante spagnola di origine marocchina, attraverso il Mediterraneo alla ricerca di progetti di economia sostenibile e commercio equo.

Dove: Castello D’Albertis – Museo delle Culture del Mondo
Quando: 19 gennaio - 30 marzo 2012
Inaugurazione: 18 gennaio, ore 17
Orari:martedì, mercoledì, giovedì e venerdì 10-17 (ultimo ingresso ore 16); sabato e domenica 10-18 (ultimo ingresso ore 17); lunedì chiuso